TuttoFood 2015: novità e stranezze che perdete se non venite

tuttofood-950x633Dopo l’abbuffata di “teoria” a Expo 2015, si torna alla “pratica” con TuttoFood. A distanza di due anni è tornata la fiera dell’alimentare, quella che dovrebbe indicarci le linee guida sul cibo che verrà.

Non perché si guardi al futuro futuribile, ma perché qui si presentano le ultime novità del campo, ristoranti, bar e locali tutti dovrebbero cogliere spunti per presentarci (buone) cose nuove. Tipo le patatine al tartufo nero di TartufLanghe, che secondo il food writer Luca Iaccarino spopoleranno.

Certo è che, se avessi un ristorante, farei davvero fatica a orientarmi dentro il marasma fieristico e avrei delle grandi difficoltà a scegliere cosa e perché.

tuttofood-food-avenue-950x633Di certo, se avessi un ristorante, ma anche solo un bar e proponessi i miei taglieri, cercherei dei prosciutti che sappiano il meno possibile di plastica della vaschetta e mi butterei su quelli tagliati al coltello, magari su una coscia di suino nero dei Nebrodi allevato allo stato brado.

Sì, sto parlando utopicamente, forse dovrei dare un’occhiata anche ai costi, ma quello non è il mio forte.

E comunque, se non lo avete ancora assaggiato, toglietevi anche lo sfizio di assaggiare il prosciutto bovino. Non indimenticabile, ma decisamente diverso dagli altri. Figuriamoci se in mezzo a tutta questa meraviglia non c’era qualcuno che rovinava la festa con il ditino alzato.

Sì, perché tutto questo grasso ci fa male, quindi è tempo che il salame si trasformi, è tempo che si contino le calorie e che ci si rattristino occhi e palato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *